Log in

AMPLIFICATORI

AMPLIFICATORI

In alta fedeltà gli amplificatori possono essere di due tipi: amplificatori a valvole e amplificatori a transistor detti anche amplificatori allo stato solido.

Gli amplificatori a valvole sono caratterizzati dall'avere un suono caldo e corposo, timbricamente molto corretto e nel caso di forti volumi presentano distorsioni delle armoniche di ordine pari che all'orecchio sono molto meno fastidiose di quelle di ordine dispari di cui invece soffrono gli amplificatori a transistor.
Dal punto di vista costruttivo occorre tener presente che gli amplificatori a valvole presentano un'elevata impedenza sia in ingresso che in uscita. Di quella d'ingresso occorre ricordarsene quando li si abbina ad un preamplificatore, mentre per quella d'uscita si provvede ad un adattamento alla bassa impedenza dei diffusori inserendo dei trasformatori detti appunto d'uscita e gran parte della qualità di un amplificatore a valvole dipende proprio dalla buona costruzione di questi. Per questo motivo gli amplificatori valvolari sono ingombranti e pesanti e ciò non sempre ma spesso è garanzia di buona costruzione. Gli amplificatori valvolari sono anche provvisti di una alimentazione aggiuntiva per il “ filamento” che riscalda il catodo in modo che gli elettroni vengano emessi da questo con più facilità ed omogeneità. Le valvole più comunemente usate sono del tipo triodo o pentodo. Esse sono purtoppo soggette ad usura, ma il mercato ne offre un' ampia gamma. Tipico della valvola è anche la produzione di calore e il fatto che più sono calde e migliore è il risultato timbrico dell'insieme. Gli amplificatori di questo tipo sono comunque i più apprezzati dagli ascoltatori nonché dai musicisti per amplificare i suoni dei loro strumenti.


Esistono poi gli amplificatori a transistor altrimenti detti amplificatori a stato solido. Questi sono caratterizzati dal fatto che al posto delle valvole, naturalmente con tutta un'altra circuitazione , ci sono i transistor. In questo caso poiché il transistor presenta una bassa impedenza d'uscita non occorrono più i trasformatori per l'abbinamento con i diffusori. Quindi a parità di potenza erogata con questi amplificatori si hanno ingombri e pesi nettamente inferiori a quelli degli amplificatori valvolari. Questi dispositivi emettono anch'essi calore e affinchè venga smaltito, onde evitarne la fusione, vengono montati direttamente su dissipatori che in genere sono di alluminio. Anche gli amplificatori a transistor presentano ottime caratteristiche soniche e insieme al fatto che pesano ed ingombrano meno dei valvolari sono quelli che maggiormente sono presenti sul mercato.

Log in or Sign up

Utilizziamo i cookies per migliorare il nostro sito e la tua esperienza. Continuando la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra. Per saperne di più LEGGI I DETTAGLI.

Accetto i cookies da questo sito